IMG_2337_edited_edited.jpg

FRANCO REINA

Franco Reina nasce in Francia. Dopo essersi diplomato all’”Académie d’Arts Plastiques et Graphiques” di Lille si trasferisce in Sicilia per frequentare il corso di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, dove si laurea nel 1995. Espone i suoi lavori in diverse mostre personali e collettive, come “Figure” a Palermo e “Talents” a Milano. Nel 2001, vincitore di concorso, diventa titolare di cattedra e insegna “Scultura” presso il Liceo Artistico “Catalano” di Palermo, dove dal 2013 è docente di “Progettazione scenografica” nell’indirizzo “Scenografia”, creato nella riforma dei licei anche grazie al suo contributo presso il MIUR. Proseguendo, nel frattempo, la propria ricerca artistica nell’ambito delle arti visive, dal 2010 ad oggi si occupa in maniera più intensa di teatro, al quale si è sempre approcciato attraverso lo studio di filosofi, autori, registi e attori contemporanei, soprattutto mediante le indicazioni dell’amico pluridecennale Jean-Paul Manganaro. Avvia il suo lavoro teatrale come scenografo e docente di progettazione, disciplina durante la quale affronta anche le teorie della “mise en scène”. Nel 2015 insegna “Storia dello spazio scenico” e “storia del costume” in corsi esterni. Dal 2016 avvia la sua esperienza da regista, in collaborazione con Lucia Corsaro, mettendo in scena al Teatro “Biondo” “Manfred. Da Byron-Schumann-Bene” e sperimentando una metodologia rivolta a giovani studenti senza esperienza teatrale. Da quest'opera nasce l'installazione video "Avant de jouer", progettata per la Biennale dei Licei Artistici (2° premio nazionale) ed esposta a Palazzo Venezia a Roma. Nel 2017 progetta e realizza, con la collaborazione di altri due artisti, il carro e la scultura di Santa Rosalia per il 393° festino. Nel 2018, in collaborazione con Lucia Corsaro e Chiara Torricelli, proseguendo la sperimentazione e facendo interagire tutti i linguaggi visivi e musicali, mette in scena, sempre al “Biondo”, “Josef K”, un adattamento drammaturgico del Romanzo “Il processo” di F. Kafka.Nel febbraio 2019, all’interno dell’associazione “Camera Lucida” e con la compagnia omonima, insieme a Chiara Torricelli cura la regia di “A porte chiuse” di Jean-Paul Sartre, andato in scena alla Sala “Perriera” e al Teatro “Garibaldi” di Palermo. Ad agosto e settembre 2019, è regista di “Art” di Yasmina Reza e di “Le serve” di Jean Genet, andati in scena allo “Spasimo” e al Teatro “Garibaldi” di Palermo. Dal 2017 è impegnato nella progettazione del nuovo indirizzo sperimentale “Teatro”, indirizzo attivo dal 2020 presso soli quattro licei artistici in Italia, tra i quali il “Catalano”, dove insegna regia teatrale nella materia “Discipline progettuali dello spettacolo”.